InformaticaEasy forum

Versione completa: Tensioni di Alimetazione
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Ragazzi delle tensioni di alimetazione così:

+3.30V --> +3.354V
+5.00V --> +5.121V
+12.00V --> +11.935V


Sono buone, un pò scarsine o fanno schifo??

Quanta può essere l'escursione massima rispetto a quella di riferimento per considerarle buone?
sei dentro nelle specifiche atx

per il rail 3.3v il range è da 3.14 a 3.47
per il 5v 4.75 a 5.25
12v 11.4 a 12.6
cosa sono le specifiche atx??
ok....ma queste specifiche in soldoni mi dicono: GUARDA CHE SE TU PRODUTTORE VUOI FARE UNA SCHEDA CHE SI POSSA CHIAMARE ATX DEVI NECESSARIAMENTE FARE UNA SCHEDA CHE FUNZIONA CON QUESTE TENSIONI:

Voltage Rail Tolerance
±5%
+5VDC
± 10 %
-5VDC (if used)
±5%
+12VDC
± 10 %
-12VDC
±5%
+3.3VDC
±5%
+5VSB


Ma a me chi mi assicura che se il mio alimentatore rispetta queste tolleranze non avrò problemi?

Cioè queste sono le specifiche per poter chiamare una scheda ATX, non le specifiche per poter dire che uno non avrà problemi...

Nella pratica su che oscillazione delle tensioni ci si può ragionevolmente mantenere per non incolpare l'alimentatore di essere causa di problemi?
Considerando che ad oggi si può overvoltare qualunque componente della mobo (il quale regge per valori di overvolt umani) anche se l'ali dovesse erogare tensioni leggermente superiori a quelle standard non dovrebbero esserci problemi. In ogni caso si può controllare manualmente le tensioni erogate con un multimetro, oppure in maniera più blanda con un software di monitoring dei voltaggi della mobo (es. tool software per le Asus o le DFI) o ancora usare OCCT.

In ogni caso, se l'alimentatore è garantito secondo le specifiche ATX (es. 2.2) l'Azienda ne garantisce appunto la compatibilità con tali mobo.
Citazione:In ogni caso si può controllare manualmente le tensioni erogate con un multimetro, oppure in maniera più blanda con un software di monitoring dei voltaggi della mobo (es. tool software per le Asus o le DFI) o ancora usare OCCT.

Guardare i valori da BIOS non va bene?


Citazione:In ogni caso, se l'alimentatore è garantito secondo le specifiche ATX (es. 2.2) l'Azienda ne garantisce appunto la compatibilità con tali mobo.

Quindi diciamo che ci si inizia a preoccupare se i valori fuoriescono da quelli indicati inizialmemte da monk? Se i valori sono entro le specifiche ATX è inutile dare la colpa di malfunzionamenti agli alimentatori?
UP Smile
URL di riferimento