chiudi

Non sei ancora registrato? Cosa aspetti, corri a farlo QUI !!

LOGIN / JOIN !
REVIEW
Registrati
Reviews
Forum

Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

La tragedia greca di RIM. Dimissioni del CEO, focus sul mercato enterprise

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

RIM_Research_In_Motion_HQ

Tragedia greca: è proprio il caso di usare questa espressione, in chiave più contemporanea che storica. RIM, azienda canadese produttrice di telefoni cellulari e palmari, sta subendo grosse perdite a causa di un divario sempre più accentuato con la concorrenza Apple e Google.

Ancor prima che RIM si pronunciasse ufficialmente in merito con un comunicato ufficiale riguardo lo stato delle sue casse, la tragedia greca era già stata preannunciata da diverse fonti e diffusa sul web. La situazione negli ultimi mesi non è certo delle migliori per la Research In Motion, papà dei terminali Blackberry, che stenta sempre più ad andare avanti a causa di guadagni che puntano drasticamente al ribasso.

Lo scenario è quello che in maniera simile ha interessato Nokia prima della partnership strategica con Microsoft, il motivo sempre lo stesso: la concorrenza e la mancanza di competizione sul piano tecnologico (ma anche di marketing). In un mercato worldwide in cui Apple e Google Android ormai capeggiano, RIM è ormai una nave i cui motori perdono coppia a regime e che tende sempre più alla deriva.

Non semplici supposizioni e notizie infondate messe in giro da chissà chi: c'è un comunicato stampa dell'Azienda che comunica ufficialmente i margini di guadagno sempre minori. E la notizia bomba dell'ultimo minuto: il co-CEO Jim Balsillie dell'Azienda si è dimesso dalla board dei digenti. In una rapida nota, Mr. Balsillie afferma semplicemente: <<Mentre completo il mio licenziamento da RIM, sono grato per la notevole esperienza e per l'opportunità di aver lavorato con eccellenti professionisti che hanno aiutato a trasformare un'idea canadese in un successo globale>>.

Per RIM non è tutto: anche il suo CTO David Yach rassegna le dimissioni, mentre il COO Jim Rowan sta valutando di <<perseguire altri interessi>> sebbene non si sia espresso più chiaramente sul merito.

RIM_HQ

La situazione di RIM è tanto grave quanto i suoi fatturati. I guadagni del quarto trimestre ammontano a 4,2 miliardi di dollari: il 19% in meno rispetto solamente al trimestre precedente. Nonchè una perdita netta GAAP di 125 milioni di dollari. Le spedizioni totali di BlackBerry nell'ultimo trimestre sono calate del 21% (raggiungendo un valore di 11,1 milioni di unità), mentre il dispositivo PlayBook si ferma a mezzo milione di spedizioni (1,3 milioni ne furono spediti durante l'ultimo anno fiscale).

Forse ricorderete che anche Nokia fu interessata da una burrasca simile e dalle dimissioni del suo CEO: il nuovo apportò un cambiamento di direzione verso un galleggiamento decisamente meno precario grazie anche agli aiuti di Steve Ballmer...

RIM un nuovo CEO ce l'ha già; è Thorsten Heins, il quale ha ammesso che l'Azienda affronterà sfide nel business significative nei prossimi mesi, e sono già in atto le procedure per <<compiere i passi necessari per indirizzarle al meglio>>. Procedure che includono <<maggiori responsabilità nel management aziendale e disciplina>>, nell'ottica di una <<rivisitazione complessiva delle opportunità strategiche tra cui partnership e joint venture, concessione di licenze ed altri modi per sfruttare gli attivi di RIM e massimizzarne il valore per i nostri azionisti>>. Ecco, ci risiamo. "Nokia 2 la vendetta".

Heins ha inoltre ritenuto opportuno impostare una strategia focalizzata anche e soprattutto sul segmento di clientela business cui l'Azienda si rivolge come da tradizione, che ha recentemente in parte tralasciato iniziando ad investire su prodotti più "di massa" e potenzialmente concorrenziali per gli smartphone Android ed iOS, tablet inclusi. Il CEO di RIM parla chiaro: <<non vi è garanzia di successo, esploreremo tutte le opportunità>>. Tra cui quella di concedere la licenza del BB10 che, a quanto pare, dovrebbe colmare il gap tra l'Azienda e la recente tecnologia LTE.

RIM si focalizzerà nuovamente sulla clientela business nonchè sul BlackBerry 10, ma la porta degli uffici dei dirigenti resta aperta ad idee di qualunque tipo, anche provenienti <<dall'esterno>>...

Commenti (0)add comment

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: