Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

Asus Eee Box PC: malware di fabbrica
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Lunedì 13 Ottobre 2008 10:15

eeepc box virus

Secondo una mail inviata da Asus, PC Advisor riporta che l'hard disk da 80GB integrato negli Eee Box presenta un file nascosto nalla partizione D: chiamato recycled.exe: si tratta di un virus! Quando il drive viene aperto, il virus si attiva e infetta la partizione primaria C: e qualsiasi altro disco rimovibile connesso al sistema...

Asus ha effettivamente confermato la fonte e si è immediatamente scusata con i suoi clienti per l'accaduto (mediante un comunicato stampa in giapponese, in quanto il problema riguardarebbe solo il mercato giapponese). L'introduzione di un malware nella sua nuova serie di PC desktop Eee Box rappresenta un avvenimento alquanto strano ed improbabile. 

Secondo Symantec, il malware è chiamato "W32/Usbalex worm", e crea un file autorun.inf per visualizzare il file recycled.exe dalla partizione D:. Alcuni utenti affermano di aver trovato nel proprio pc un tipo leggermente diverso di worm, chiamato "W32/Taterf worm", un malware che crea un file kavo.exe che intercetta le password e gli username utilizzati durante le sessioni di gioco online disponibili su gran parte dei videogiochi.

Il caso è comunque stato circoscritto, ed i modelli infetti immediatamente resi noti. Per scoprire se il proprio Eee Box presenta tale problema virale, si faccia riferimento ai seguenti codici UPC:

Model number: EEEBOXB202-B; UPC code: 610839761807
Model number: EEEBOXB202-W; UPC code: 610839761814
Model number: EBXB202BLK/VW161D; UPC code: 610839530526
Model number: EBXB202WHT/VW161D-W; UPC code: 610839531202
Model number: EBXB202BLK/VK191T; UPC code: 610839547753

asus eee box pc virus

Se siete in possesso di uno di questo esemplari, non esitate a farlo presente ad Asus mediante la sua assistenza clienti; o comunque, prima di installare software o collegare periferiche al PC, assicuratevi di aver installato un buon antivirus che magari riesca a rilevare, correggere e/o rimuovere la fastidiosa infezione.

Non è la prima volta che Asus si trasforma in "cracker": lo scorso mese, infatti, nei DVD di recovery Asus sono stati accidentalmente inclusi dei tool di cracking e documenti confidenziali. Ma Asus non è certo la prima azienda ad aver incluso malware nei propri prodotti: negli ultimi anni meritano infatti menzione, per avvenimenti simili, Apple, TomTom, Seagate e HP.

Commenti (0)add comment

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.