Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

AMD riprogramma il lancio dei processori codename Bulldozer a 32nm
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Venerdì 13 Marzo 2009 11:24

AMD Bulldozer

I 32 nanometri di AMD sono ufficialmente rimandati al 2011. A partire da tale data, inoltre, dovrebbe debuttare la nuova architettura Bulldozer. Qualche tempo fa, invece, il produtore di CPU affermò invece che Bulldozer si sarebbe basato sui 45 nanometri e avrebbe debuttato quest'anno...

AMD ha annunciato ufficialmente di aver riprogrammato il lancio della nuova microarchitettura identificata dal nome in codice Bulldozer ed i primi veri processori di prossima generazione saranno disponibili solamente a partire dal 2011. Ciò è leggermente in contraddizione con quanto dichiarato dal CEO AMD, che promise la migrazione ai nuovi chip realizzati a 32 nanometri a partire da metà 2010.

Un portavoce di AMD, Damon Muzny, ha affermato, durante una breve conversazione con X-Bit Labs, che l'azienda testerà la nuova architettura Bulldozer nel tardo 2010, mentre le nuove CPU entreranno in produzione a partire dal 2011.

Il CEO AMD Dirk Meyer ha affermato recentemente che l'azienda ha stimato il lancio delle nuove CPU a 32 nanometri a partire da metà 2010, mentre nel 2008 si disse che Bulldozer si sarebbe basato sul processo produttivo a 45 nanometri e sarebbe stato disponibile a partire da quest'annp. Insomma, un insieme di notizie contradditorie, anzi errate.

AMD Desktop Roadmap until 2011

Il primo microprocessore della famiglia Bulldozer è Orochi, che avrà più di quattro nuclei elaborativi, più di 8MB di cache e supporterà le memorie DDR3. Orochi sarà realizzando usando il processo produttivo a 32 nanometri e dovrebbe debuttare nel 2011. Anche Ontario, che avrà due core x86, debutterà lo stesso anno ed avrà un sistema grafico integrato direttamente nel die della CPU, oltre ad 1MB di cache e supporto alle memorie DDR3. Il chip sarà basato sull'architettura Bobcat, che dovrebbe essere molto efficiente dal punto di vista energetico e dovrebbe rappresentare un primo approccio alla tecnologia Fusion, che combina un nucleo elaborativo x86 e sistema grafico nello stesso chip.

Bulldozer è la prossima microarchitettura AMD progettata dall'azienda; si spera offrirà migliori performance rispetto alle attuali CPU, anche perchè integrerà le nuove istruzioni SSE5.

Xbit Labs non è la sola ad affermare che AMD necessita di una nuova microarchitettura più efficiente e prestante per riprendersi quella fetta di mercato attualmente conquistata da Intel. Se ciò avverrà, il problema per AMD è restare competitiva con gli attuli Phenom II / Deneb.

FONTE

Commenti (0)add comment

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.