Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

Tutto sulle prossime CPU Intel Gulftown: caratteristiche tecniche e primi bench
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Lunedì 21 Dicembre 2009 08:25

Intel Gulftown Westmere 32nm

Manca relativamente poco allo scoccare del 2010; prima delle festività natalizie, InformaticaEasy vi propone come penultimo articolo un rapido report sulle prossime CPU firmate Intel che vedranno la luce a partire dal prossimo anno. Si inizia con Gulftown e con i suoi 12 core logici...

Secondo i dirigenti Intel,  la Legge di Moore, sostenuta dai progressi realizzati dall'Azienda nelle tecnologie di produzione a 32 e 22 nanometri (nm), è destinata ad accelerare il ritmo e la portata di "innovazione e integrazione".

E tra un progetto futuristico ed l'altro (ricordiamo ad esempio una CPU da 48 core che consuma 125W in full load), Intel si prepara a sbarcare nel 2010 più grintosa che mai, proponendo nuove inedite soluzioni basate essenzialmente sulla tecnica del die-shrink, almeno inizialmente. Ciò significa che le prime nuove CPU Intel manterranno l'attuale architettura introdotta con i microprocessori Nehalem da 45nm ma subiranno una "restrizione" del die grazie all'adozione di un nuovo processo produttivo: i 32 nanometri, appunto.

2010: l'anno dei 32nm. Westmere, Sandy Bridge e Larrabee

Westmere è la prima serie di processori Intel a 32 nm, la prima in assoluto a integrare il die di grafica direttamente nel package del processore. Oltre a supportare la tecnologia Intel Turbo Boost e la tecnologia Hyper-Threading, Westmere include nuove istruzioni AES (Advanced Encryption Standard) per velocizzare la crittografia e la decrittografia dei dati.

Dopo Westmere, l'integrazione dei chip Intel proseguirà con i processori a 32 nanometri il cui nome in codice è “Sandy Bridge”. Sandy Bridge si distinguerà per core di grafica Intel di sesta generazione sullo stesso die o piastrina di silicio del core del processore, e comprenderà istruzioni AVX per il software in virgola mobile, video e a elaborazione intensiva disponibile in generale nelle applicazioni multimediali.

Seguiranno nuovi prodotti in silicio denominati “Larrabee”, nome in codice utilizzato per una famiglia di futuri co-processori orientati alla grafica. Larrabee rappresenterà un'estensione delle funzionalità di elaborazione parallela della programmabilità dell'Architettura Intel. Grazie a questa flessibile programmabilità e alla possibilità di trarre vantaggio dagli attuali strumenti di sviluppo, software e progettazione, i programmatori sono liberi di comprendere i benefici del rendering completamente programmabile e quindi di implementare facilmente un'ampia varietà di pipeline 3D, ad esempio rasterizzazione, rendering volumetrico o ray tracing.

Con i 32 nanometri, arriveranno transistor con gate metallici ad alta costante k (high-k) di seconda generazione ed Intel utilizzerà, per la prima volta, una particolare tecnica di litografia denominata "a immersione per gli strati critici". Gli altri aspetti da segnalare dal punto di vista chimico-microelettronico sono: la presenza di 9 strati di interconnessioni in rame + bassa costante k, riduzione di circa il 70% delle dimensioni rispetto alla generazione a 45 nm e packaging senza piombo e privi di alogeni.

Gulftown: il Nehalem Bloomfield replacement

Ma torniamo a parlare della realtà che interesserà il futuro prossimo del panorama informatico: Westmere, ed in particolare Gulftown. Quest'ultima sigla identifica, come codename, una "sottoserie" di microprocessori a 32 nanometri; Westmere è invece il nome globale di tutti i prossimi microprocessori a 32 nanometri Intel.

La tabella che riporto di seguito, timidamente inserita sul sito Intel in un comunicato stampa aziendale, riporta le principali caratteristiche delle prossime CPU Westmere e la fascia di mercato in cui si collocano. In più, abbiamo a disposizione una comparativa di nomenclatura e numero di core fisici/logici con l'attuale offerta Nehalem, a parità di fascia di mercato.

Raffronto: Nehalem vs Westmere

(C indica il numero di core; T il numero di thread)

Segmento Nehalem (45 nm) Westmere (32 nm)

PC desktop
Fascia alta Bloomfield (4 C/8 T) Gulftown (6 C/12 T)
Mainstream Lynnfield (4 C/8 T) Clarkdale (2 C/4 T+ iGFX)

PC portatili

--- Clarksfield (4 C/8 T)
Arrandale (2 C/4 T+ iGFX)
Server Espandibilità e
scalabilità
(in genere almeno 4
socket)
Nehalem-EX (8 C/16 T) Futuro processore basato su
Westmere
Prestazioni con
efficienza energetica
(in genere almeno 2
socket)
Nehalem-EP (4 C/8 T) Futuro processore basato su
Westmere
Entry level (EN)
(in genere 1 socket)
Lynnfield (4 C/8 T) Clarkdale (2 C/4 T+ iGFX)*

L'utenza desktop high-end attualmente adotta CPU Intel Nehalem Bloomfield; il prossimo step per gli appassionati della tecnologia sarà, almeno per alcuni, la migrazione alle CPU high-end Intel Gulftown, etichettate imprudentemente Core i9 (in realtà, giusto per confondere ulteriormente le idee a livello di nomenclatura, Intel prevede di continuare a chiamare, almeno i primi sample Gulftown, Core i7). In sostanza, Gulftown sarà l'equivalente futuro di Bloomfield.

La seguente tabella che riportai svariate settimane fa in un articolo che parlava di evoluzione delle CPU Intel, sebbene non sia aggiornatissima e presenti qualche errore nella nomenclatura Core ix, racchiude informazioni tecniche su Gulftown che sono ancora valide nonchè confermate dalla stessa Intel.

Intel Core i3 i5 i7 i9

Alcuni dati su Gulftown, il mostro esa-core

Essenzialmente, gli esemplari Gulftown saranno microprocessori con package LGA1366 e dunque (potenzialmente) compatibili con tutte le schede madri basate sull'omonimo socket ed integranti chipset Intel X58 Express. Sarà necessario un aggiornamento del BIOS per rendere compatibili le attuali motherboard X58-based con Gulftown.

La serie high-end di Westmere, Gulftown appunto, comprende CPU integranti in un unico die monolitico ben 6 core fisici che, grazie al supporto all'Hyper-Threading ripreso con Nehalem, diventeranno 12 logici.

Rispetto a Nehalem, ripeto, Gulftown ed in generale Westmere sarà caratterizzato da transistor più piccoli: si passerà da 45 a 32 nanometri e, per questo, l'incremento del numero fisico di core produrrà un aumento della superficie del die di silicio praticamente nullo. Complici le migliorate tecnologie di risparmio energetico, la superficie inalterata del die e la riduzone dei nanometri dei transistor, il TDP sprigionato da Gulftown non supererà quello degli attuali esemplari Intel Core i7.

Oltre all'Hyper Threading, sembra confermato il supporto all'architettura Quick Path Interconnect, con accesso diretto alla memoria (DMI). A proposito di RAM, Intel ne assicura la compatibilità con DDR3 1066 MHz (stessi prerequisiti introdotti con Nehalem). La memoria cache di Gulftown, infine, raggiungerà quota 12MB rispetto agli 8MB di Core i7.

Gulftown in azione: l'anteprima stroncata da Intel

Sul forum di InformaticaEasy.net, già diverso tempo fa è stata segnalata la presenza online di alcuni screenshot che immortalavano CPU-Z ed altri benchmark in esecuzione su una piattaforma utilizzante CPU Gulftown.

Protagonista il website PCLab.pl, che ha riportato in un articolo una sorta di analisi in anteprima dei prossimi Core ix Intel. Il sito web ha però ha dovuto subito fare i conti con le reazioni di Intel, che hanno comportato una rimozione, perlomeno temporanea, dell'articolo prodotto. Secondo quanto riportato sullo stesso sito web, infatti: "We have been contacted by the reps of Intel Corporation. We agreed to remove the article. We will bring it back once Gulftown hits the stores, somewhere in 2010 :-)".

Pur tuttavia, gli screenshot di cui sopra sono sempre rimasti hostati sul sito web PhotoBuchet, eccoli riportati di seguito.

Iniziamo con uno screen di CPU-Z, che conferma alcune delle caratteristiche tecniche di questi sample tra cui la quantità di Cache, il numero di core logici e fisici ed il principio di funzionamento BCLK/moltiplicatore.

Intel Gulftown Westmere 32nm

 

Everest mostra maggiori informazioni in merito al processore: l'utility rileva la presenza di una CPU effettivamente esa-core, da 3.2 GHz e stepping A0. Da evidenziare il supporto alle SSE4.2 ; trattandosi di un esemplare Engineering Sample (e probabilmente anche appartenente alla serie Xtreme Edition) il moltiplicatore è sbloccato anche verso l'alto e può "teoricamente" raggiungere quota 63x.

Intel Gulftown Westmere 32nm

 

Come abbiamo potuto notare dalle immagini appena inserite, la frequenza della CPU variava tra 1,6 GHz e 3,2 GHz circa: merito dello Speed Step e della tecnologia Turbo Boost, che rendono tutt'altro che chiara la determinazione del moltiplicatore di base utilizzato dalla CPU.

Passiamo a saggiare le performance che Gulftown può offrire iniziando dal software Cinebench. I punteggi ottenuti sono pari a 4535 per il rendering con un core e 25564 nel caso di utilizzo di tutti i core.

Intel Gulftown Westmere 32nm

 

Altro bench comparativo con le attuali soluzioni Core i6 ed AMD Phenom II. Risultati incredibili anche questa volta... (cliccate sull'immagine per visualizzarla nelle sue dimensioni originali):

Intel Gulftown Westmere 32nm

 

Molto positivo anche il risultato di Super PI, stavolta eseguito però su CPU overcloccata a 4,4 GHz (da notare il relativo vCore, decisamente basso se comparato a tale frequenza di clock). Non dimentichiamo che Super PI non è ottimizzato per il multicore, ed il bench è quindi relativo alle potenzialità di uno dei sei core fisici costituenti Westmere Gulftown.

Intel Gulftown Westmere 32nm

Commenti (1)add comment
0
Paxville :): ...
Bell'articolo e bella tabella riassuntiva, me lo rileggo con calma più tardi
1

dicembre 21, 2009

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.