Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

Un SSD senza rivali: ecco l'Intel X25-E Extreme
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Sabato 28 Febbraio 2009 18:40

IntelX25-E Extreme

Tom's Hardware ha avuto l'opportunità di recensire, saggiandone le prestazioni, l'unità SSD Intel X25-E Extreme, dotata di tecnologia SLC, che attualmente batte tutti i record, sia in termini di transfer rate che di I/O al secondo, se comparato con le altre soluzioni SSD in commercio.

Intel propone due "sotto-serie" di SSD: la X25-M e la X25-E. La prima è basata su celle di memoria MLC (meno costose, ma più scarsamente performanti in termini di transfer rate e I/O al secondo), mentre la seconda adotta la tecnologia SLC, che performa decisamente meglio. L'X25-M, ad esempio, raggiunge un throughput in lettura di 200 MB/s, ma in scrittura non va oltre i 75 MB/s; consente di garantire un buon numero di I/O al secondo, ma sicuramente un drive SLC può fare meglio. A tal proposito, infatti, Intel ha rilasciato anche il modello X25-E, dove "E" sta per Extreme, che permette di raggiungere incredibili velocità di lettura e scrittura, integra un eccellente controller che garantisce velocità omogenee ed assenza di picchi e consente inoltre di ottenere un impressionante numero di I/O al secondo. Tutti dati che piazzano l'X25-E Extreme al vertice della categoria.
IntelX25-E Extreme

E' quanto Tom's Hardware ha avuto modo di apprezzare nel corso della recensione del drive X25-E, reperibile in versione integrale a QUESTO link diretto. Di seguito, si riportano gli aspetti più salienti dell'articolo, a testimonianza delle reali performance che il costosissimo SSD Intel può garantire:

Tom's Hardware ha confrontato l'X25-E con l'X25-M, con un Samsung mainstream da 64 GB, un SSD server di Mtron e Memoright e due veloci hard disk da 15000 RPM: l'Hitachi Ultrastar 15K450 e il Seagate Cheetah 15K.6

Impressionanti le velocità di lettura e scrittura: l'Intel X25-E (l'esemplare testato è il modello da 32GB di capienza)supporta velocità prossime ai 200MB/s (reading) e ai 160MB/s (writing). A differenza di quella in lettura, la velocità in scrittura è soggetta a lievi ma costanti picchi verso il basso. 

IntelX25-E Extreme

L'Intel X25-M mette ben in mostra i muscoli anche con benchmark specifici. Di seguito, le velocità di lettura e scrittura rilevata dal software h2benchw. Interessante la comparativa con il "fratello minore" X25-E, nonchè con i tradizionali hard disk SAS da 15.000 RPM.

IntelX25-E Extreme
 
IntelX25-E Extreme

Il tempo di accesso, espresso in millisecondi, è sempre stato a favore degli SSD; i risultati a tal proposito di h2benchw ne sono ulteriore esempio. Tutti gli SSD offrono un access time pari a 0,1 millisecondi, fino a (circa) 60 volte meno rispetto ai prestanti hard disk SAS da 15K RPM:

IntelX25-E Extreme

Impressionante anche il numero di Input/Output al secondo registrato da IOMeter: all'aumentare della coda di comandi, gli I/O al secondo scendono da poco meno di 5500 a poco meno di 3300. Gli altri drive SSD, raffrontati nel grafico seguente, non reggono minimamente tale confronto. Da notare quindi l'importanza di un drive altamente performante come l'Intel X25-E Extreme in ambito server, in cui gli I/O al secondo sono numerosissimi e altamente frequenti.

IntelX25-E Extreme

Attualmente sono necessari quasi 500€ per acquistare un drive Intel X25-E. Parliamo però del modello in grado di offrire solamente 32GB. L'utenza media, quindi, potrebbe considerare una strategia di acquisto differente, orientandosi verso drive meno costosi (evitando gli SSD che integrano controller JMicron, caratterizzati da basse prestazioni in lettura/scrittura random), siano essi SLC o MLC, e creando un RAID di SSD: il risultato sarà un array di memoria di massa caratterizzato comunque da ottime performance, in grado di battere sicuramente i tradizionali hard disk. Produttori come OCZ, tra l'altro, stanno ampliando notevolmente la propria gamma di SSD, offrendo soluzioni sempre più capienti ad un prezzo, spesso, davvero accessibile.

Commenti (1)add comment
0
scorpione: ...
va bene sono veloci ma i prezzi penso che saranno altretanto altiiiiiiiiiiiii
non avete capito non ci siamo i soldi sono pochi
1

luglio 03, 2009

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.