Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

WD's new monster: nasce VelociRaptor
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Venerdì 13 Giugno 2008 07:59

veloricaptor

Come ho affermato più volte, l'hard disk dovrebbe essere maggiormente considerato come componente: spesso non è la nostra cpu core 2 duo o la RAM a rallentare tutto, ma l'hard disk, che c'entra parecchio: nei tempi di avvio e di spegnimento, di caricamento di grosse applicazioni e giochi, nello swapping (frequentissimo in windows che adotta un sistema di gestione dalla RAM segmentato-paginato!), nel trasferimento di file. Ed è proprio questa considerazione, frutto di una constatazione giornaliera nell’uso quotidiano del PC, che mi ha spinto ad effettuare un “sostanzioso” upgrade concernente il disco rigido.

Personalmente, se tempo fa pensavo di upgradare scheda madre (pensavo ad una p5e3 deluxe), ram (ddr3 1600mhz) e cpu, ora invece sono giunto alla conclusione di aspettare la nuova piattaforma Nehalem e di dedicarmi ai componenti che effettivamente mi rallentano il pc, e tra questi, al primo posto, l'hard disk.

Oramai il WD Raptor 150GB sta pian piano perdendo lo scettro di hard disk più veloce in assoluto nel settore SATA: infatti, prodotti analoghi, sebbene funzionino a 7200rpm, stanno iniziando a garantire prestazioni simili in termini di transfer rate. La banda offerta dall'SATA1 è oramai prossima alla saturazione (si pensi ad un RAID0 di Raptor); è dunque palese che, per offrire prestazioni ancora migliori del Raptor, WD doveva necessariamente intraprendere la strada dell'SATA2. E difatti è stata proprio Western Digital a dichiarare, qualche tempo fa, di voler iniziare ad adottare la tecnologia SATA2 per i suoi prodotti high-end (Raptor) solo quando ce ne sarebbe stato realmente bisogno.
E dopo un primo prototipo, sempre da 3,5'', ma da 160GB e SATA2, di fatto difficilmente reperibile e disponibile per l'end-user (o meglio, "high-end" user) ma perlopiù in uso su sistemi Server Dell, a quanto pare comunque disponibile da tempo ma di cui si è sentito poco parlare (tranne qualche review, tra cui QUESTA ), Western Digital ha finalmente annunciato il suo nuovo cavallo... ehm... pardon, dinosauro di battaglia: il Velociraptor!

Le caratteristiche salienti di questo hard disk sono:

  • Capacità 300GB;
  • Buffer 16 MB;
  • Tecnologia SATA2;
  • 10000 RPM;
  • design a due piatti e quattro testine;
  • Dimensioni unità 2,5'' (il che garantisce una sensibile riduzione dell'access time rispetto ai Raptor: read seek time pari a 4.2ms, write seek time pari a 4.7ms);
  • IcePack che consente l'installazione in un case bay standard da 3,5'' e che al contempo funge da dissipatore per l'unità, garantendo fino a 7 gradi in meno;
  • Sustained Data Rate: 120MB/s;
  • Rotary Acceleration Feed Forward (RAFF™): ottimizza le performance quando i drive vengono impiegati in chassis multi-drive a prova di vibrazioni;
  • SecurePark™ - Parcheggia le testine al di fuori della superficie del disco in fase di spin up, spin down e quando il drive è spento garantendo così che la testina di registrazione non tocchi mai la superficie e assicurando maggiore affidabilità sul lungo termine e protezione del drive quando lo chassis viene spostato.

QUI un approfondito benchmark.

Il prezzo suggerito per questo prodotto è 299$; in Italia lo si trova mediamente a 250€.


Commenti (0)add comment

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.