Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

SSD: problemi in vista con i 25 nanometri. Corsair spiega il suo "transition plan"
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Lunedì 21 Febbraio 2011 08:00

Corsair Force Series 25nm

Ridurre la dimensione dei transistor in un SSD non comporta solo benefici. Analizziamo insieme la situazione in questo breve report per comprenderne tutte le conseguenze, i pro e i contro. E approfittiamone per sentire il parere ufficiale di un esperto SSD producer: Corsair.

In un recente intervento sul Corsair Blog, l'Azienda che produce e fornisce componenti high-end per il mercato hardware ha appena annunciato il piano di transizione della tecnologia produttiva che interessa i suoi drive a stato solido. Gli SSD appartenenti al brand Force Series, infatti, vedranno ridursi la dimensione di ogni singolo transistore che compone le NAND Flash.

La migrazione verso tale <<die shrinking>> si tradurrà in un passaggio dagli attuali 34 nanometri ai più minuti 25 nanometri per i chip di memoria flash integrati negli SSD Corsair.

Cosa comporta la rivisitazione del processo produttivo? Non solo rose e fiori. Sebbene tra i tanti pregi ricordiamo ad esempio un abbattimento dei costi (si utilizza "meno materiale") accompagnato sempre da un incremento delle prestazioni (grazie ad una consueta concomitante rivisitazione della microarchitettura) e da una maggiorazione della capacità del drive, ci sono dei risvolti negativi che non possono certo passare inosservati nè essere trascurati.

<<There is a lot of confusion in the market about the impact of the move from 34 to 25nm flash>>, afferma Corsair. Uno statement non casuale, visto il recente proliferarsi, soprattutto sul web e su riviste super-dedicate, dei problemi che affliggono una riduzione del processo produttivo delle memorie flash.

Riassumendo per sommi capi tale problematica, si tratta essenzialmente di una riduzione dell'affidabilità del drive nel tempo. Ridurre la dimensione dei transistor in una NAND Flash significa infatti diminuirne sensibilmente il suo ciclo di vita. In altre parole, il numero di letture e scritture sopportato dalla memoria prima di "rompersi" cala piuttosto bruscamente.

Per arginare tale fenomeno, ormai ampiamente noto tra gli SSD Producer, si stanno attuando diverse tecniche. La prima, inizialmente adottata da Intel già da tempo, consiste nel "nascondere" una piccola parte della capacità complessiva del drive in modo che questa risulti invisibile all'utilizzatore ma funga al contempo da spazio di appoggio in cui spalmare ed estendere le operazioni di scrittura e lettura. Diretta consegnenza dell'adozione di tale metodologia è la riduzione, solitamente di qualche GigaByte, dello spazio disponibile dichiarato dall'Azienda. In concomitanza, appunto, con la migrazione ad un nuovo processo produttivo. Tale tecnica prende il nome di over-provisioning.

Il secondo metodo è maggiormente legato ad una astrazione dall'hardware, in quanto interessa il firmware layer dell'unità. All'interno del microcodice necessario per pilotare l'SSD a basso livello, infatti, vengono inserite istruzioni più efficienti costituenti algoritmi di Wear Levelling: si tratta di un sistema che assicura una più omogenea scrittura dei dati sul disco usando, per quanto possibile, allo stesso modo e con la stessa frequenza e intensità tutte le celle di memoria, senza far gravare le operazioni di I/O su una parte del disco che altrimenti si usurerebbe prima.

Premesso tutto ciò, che ritengo sia doveroso conoscere prima di valutare l'acquisto di un SSD soprattutto dovendo scegliere tra un'offerta oggigiorno sempre più vasta anche dal punto di vista dei prezzi, torniamo a Corsair.

Corsair Force Series 25nm

In particolare, torniamo all'affermazione che ho citato poc'anzi, riprendendola per intero e tradotta: <<C'è molta confusione nel mercato circa l'impatto che la migrazione dai 34 ai 25nm per le memorie flash ha sul prezzo e sulle prestazioni dei drive a stato solido>>, afferma John Beekley del Technical Marketing Department presso Corsair. <<Siamo in stretta vicinanza con SandForce per assicurare la più morbida transizione possibile e iniziamo a condividerne i dettagli a partire da oggi>>.

Ed è con questa affermazione che l'articolo sul Corsair Blog riprende quanto vi ho già spiegato pochi capoversi fa. Migliori prestazioni e capacità, ma contemporaneamente pure una riduzione dello spazio disponibile e un decremento della curva delle performance a lungo andare.

Corsair, dopo tale premessa, continua a insistere in maniera positiva sulla stretta cooperazione con SandForce. I rispettivi engineering team stanno lavorando a contatto diretto per migliorare lo scenario. In particolare, diversi test prestazionali e relativi all'affidabilità sono stati condotti e Corsair si mostra ampiamente soddisfatta dei <<progressi che sono stati compiuti per rendere i drive Force Series da 25nm pronti per la vendita ai clienti>>.

Nei laboratori Corsair, usando ATTO Disk Benchmark sui drive Force Series da 25nm, è stata notata una minima riduzione delle prestazioni che si attesta attorno al 3-4%. Nello scenario reale, come ad esempio la copia di gruppi di file o la misurazione del tempo di avvio di Windows, i risultati confortano quelli mostrati da ATTo in quanto mostrano <<infimi o inesistenti perdite di prestazioni>>, assicura l'Azienda. Tuttavia, per raggiungere tali scopi e garantire un minimo di standard qualitativo, Corsair è stata costretta ad adottare la tecnica dell'over-provisioning.

<<In questo modo i nostri clienti sanno con chiarezza cosa stanno acquistando, cambieremo i serial number su tutti i drive da 25 nanometri e la capacità nominale disponibile. Per esempio, un drive che venderemmo come capiente 120GB e costruito con flash a 34nm verrà da oggi venduto nella versione da 115GB>>. Stavolta è Jared Peck, Global Product Marketing Manager per gli SSDs Corsair, a parlare. <<Tutti i drive Force Series costruiti con la tecnologia flash a 25 nanometri avranno inoltre un suffisso "-A" sul part/model number, rendendo facile il riconoscimento dei medesimi>>.

I primi drive Force Series a 25 nanometri che verranno rilasciati sono due. Si tratta dei modelli da 115GB ed 80GB che vedranno la luce a partire dalla fine di Febbraio e veranno offerti dalla rete globale di rivenditori e distributori Corsair. Il primo drive, l'F115-A, sarà proposto a 215$ mentre il secondo, l'F80-A, costerà 169$. Prezzi relativi agli USA e più bassi di circa 30$ rispetto agli attuali F120 (249$) ed F80 (199$).

Per un massiccio approfondimento sulla questione, vi rimando alla pagina dedicata sul Corsair Blog a QUESTO LINK.

Commenti (0)add comment

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.