Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

Windows Azure: con Microsoft il cloud computing si tinge d'azzurro - 5) Case study: T-Mobile
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Venerdì 01 Luglio 2011 08:00
Indice
Windows Azure: con Microsoft il cloud computing si tinge d'azzurro
1) Cloud Computing: computazione su... fibra ottica
2) La nuvola azzurra Windows Azure
3) Analisi dell'offerta di Windows Azure
4) La parola all'esperto: l'interessante report di un Microsoft Architect
5) Case study: T-Mobile
6) La prova di InformaticaEasy.net
7) Conclusioni
Tutte le pagine

Sono tanti i brand internazionali che si appoggiano sull'infrastruttura Windows Azure. I nomi? Meritano menzione ad esempio 3M, Nasa, Bing, Volvo, Xerox, T-Mobile.

In particolare, T-Mobile USA aveva bisogno di un nuovo software per dispositivi mobili in grado di semplificare le comunicazioni delle famiglie e i tempi ristretti non consentivano l'implementazione di applicazioni o di infrastrutture server. Grazie a Microsoft Visual Studio 2010 Professional, T-Mobile è riuscita a sviluppare una soluzione per Windows Phone 7 basata sulla piattaforma Windows Azure in appena sei settimane.

T-Mobile USA fornisce prodotti e servizi wireless a circa 33 milioni di clienti in tutti gli Stati Uniti. Filiale di Deutsche Telekom, T-Mobile ha sede a Bellevue, nello stato di Washington, e conta un organico di 42.000 persone.

L'Azienda mirava a offrire ai clienti una nuova applicazione mobile che aiutasse le famiglie a mantenersi in contatto, ma aveva tempi di realizzazione molto stretti. La soluzione si è basata su una applicazione chiamata Family Room su Windows Phone 7 e la piattaforma Windows Azure, in modo da creare un ambiente software utilizzabile dai diversi componenti di un nucleo familiare per coordinare le attività e condividere foto e altre informazioni.

T-Mobile ha deciso di creare questa soluzione con Microsoft Visual Studio 2010 Professional, basandola su Windows Phone 7 e la piattaforma Windows Azure. Sfruttando un ambiente di sviluppo integrato e un sistema di servizi cloud, il progetto è stato portato a termine in sole sei settimane. L'utilizzo di una piattaforma cloud ha inoltre semplificato la gestione, non necessitando della manutenzione di server fisici, con il risultato che gli sviluppatori hanno ottenuto più tempo per concentrarsi sul miglioramento dell'applicazione. I clienti potranno contare su una soluzione di comunicazione semplificata, affidabile e con avanzate capacità di protezione, oltre alle nuove funzionalità che T-Mobile sta già progettando.

Nello scegliere un'infrastruttura basata su cloud per l'hosting dell'applicazione e dei dati. A questo scopo, il team di progetto ha preso in considerazione diversi servizi, inclusi quelli offerti dai fornitori con cui già l'azienda collaborava, ma alla fine la scelta è caduta sulla piattaforma Windows Azure, un set di servizi di cloud computing che include il sistema operativo Windows Azure e il database relazionale Microsoft SQL Azure.

<<Abbiamo preso in esame diverse opzioni di cloud computing. Alla fine, abbiamo capito che la piattaforma Windows Azure era quella che meglio si adattava alle nostre esigenze, offrendo non solo il set di funzionalità più appropriato, ma anche la massima compatibilità e affidabilità>>, ha dichiarato Matthew Calamatta, Technical Consultant di Matchbox Mobile. <<Abbiamo capito subito che con Windows Azure potevamo realizzare la nostra soluzione in tempi rapidi>>.




Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.