chiudi

Non sei ancora registrato? Cosa aspetti, corri a farlo QUI !!

LOGIN / JOIN !
REVIEW
Registrati
Reviews
Forum

Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

Cooler Master Storm Sirus: l'audio come non lo avete mai sentito - 6) Test sul campo ed impressioni di utilizzo

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Indice
Cooler Master Storm Sirus: l'audio come non lo avete mai sentito
1) Introduzione e confezione
2) Il sistema Storm Sirus
3) Setup iniziale, connessioni e la Tactical Mixing Console
4) Le cuffie Storm Sirus da vicino
5) Caratteristiche e specifiche tecniche
6) Test sul campo ed impressioni di utilizzo
7) Considerazioni finali e conclusioni
Tutte le pagine

Appena collegato al PC, il sistema Sirus prende vita di un rosso intenso e pulsante. Basta usare i due connettori USB per alimentare l'unità ed iniziare a farla funzionare.

Cooler_Master_Storm_Sirus

Per sfruttare appieno le potenzialità sonore di Sirus è doveroso installare la suite di driver proposta da Cooler Master.  I driver consistono in un corposo pacchetto zippato da 48MB (che raggiunge quota 83MB una volta decompresso), presente come download sul sito CM Storm oppure inclusi nel CD presente nella confezione di vendita di Sirus. In assenza di driver il sistema funzionerà perfettamente, tuttavia la regolazione con il mixer interesserà soltanto il master che piloterà unicamente il canale frontale.

Di seguito riporto uno screenshot significativo dell'interfaccia, da cui è ad esempio possibile switchare tra profili audio predefiniti, crearne di nuovi, agire via software sui vari canali ed attivare la funzionalità automatica SVN che si fa carico della "normalizzazione volume intelligente".

Cooler_Master_Storm_Sirus

L'esperienza di utilizzo di Storm Sirus è piena di piacevoli sorprese. Con questo sistema avanzato di cuffie scopriremo sfumature audio che in precedenza non immaginavamo potessero esistere. La convivenza pacifica e singerica di tutti i canali audio si abbina ad un sistema di bassi che intervengono puntuali e precisi, ponendo un poderoso accento sonoro sull'output complessivo del sistema.

La protezione contro bruschi e involontari innalzamenti del volume viene attivata con prontezza estrema e la manopola di controllo si rivela estremamente reattiva ai nostri movimenti di comando.

A mio avviso 256kBps è davvero il minimo livello di qualità sonora necessario per iniziare ad apprezzare davvero i prodigi acustici che il sistema Storm è in grado di compiere. Ovviamente tale considerazione resta comunque relativa al numero di sample audio prelevati dal convertitore analogico-digitale di Sirus. Un sample rate più elevato è ovviamente sensato nel caso di tracce audio salvate su disco non eccessivamente compresse, delle quali non si vogliono perdere campioni in frequenza significativi durante il sampling e la riproduzione audio. Sirus campiona a 48kHz, ovvero 48.000 volte al secondo.

Un'ulteriore piacevole sorpresa: il microfono si disattiva automaticamente quando riposto in posizione di riposo e, in tal caso, indipendentemente dallo stato on/off determinato dalla console di Sirus.




Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: