Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

Thermalright IFX-14 Inferno Fire eXtinguisher - 4) Guida installazione
Valutazione attuale: / 20
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Lunedì 23 Giugno 2008 11:15
Indice
Thermalright IFX-14 Inferno Fire eXtinguisher
1) Introduzione
2) Ventole consigliate
3) Carrellata fotografica
4) Guida installazione
5) Temperature CPU
6) Heatsink upgrade
7) Lappatura base
8) Cambio case: nuove performance dissipative
9) La sfida: IFX-14 vs tutti
10) Detailed drawing
11) FAQ Thermalright
12) Motherboard compatibili
13) Links utili
Tutte le pagine

GUIDA ILLUSTRATA INSTALLAZIONE IFX-14

Come primo passo dell’installazione, è necessario installare il backplate munito (o meno) del dissipatorino.
Nota importante: nel caso della mia Asus P5W DH Deluxe non era possibile montare il backplate in qualsiasi posizione in quanto delle saldature posteriori della scheda madre creavano problemi ai gommini del backplate. Installando il dissipatorino il problema si risolve in quanto lo spessore complessivo del backplate aumenta e la piastra è più distante dalla scheda madre.
Per il resto nulla di complicato: basta inserire i dadi e fissarli al backplate con le 4 rondelle di gomma, applicare il pad da 0,3 mm, poi la base del dissipatore posteriore, infine il pad da 1,5 mm e per concludere basta assicurare il backplate alla motherboard con le quattro viti che tra l’altro inglobano anche il sistema di ritenzione dell’IFX-14.
Unica critica: nella confezione erano presenti 5 viti per i Socket AMD e 3 per Socket Intel, anziché 4 e 4. Un errore umano che per fortuna non ha complicato le cose dato che è possibile con un minimo di manualità adattare una vite per i Socket AMD per far sì che si avviti nei dadi per Socket Intel. Una volta che la vite “si è fatta la casa”, non sussistono problemi di ritenzione.

14

15

La fase più complicata è stata far sì che il dissipatorino entrasse nel case senza che fosse ostacolato dai cavi dell’alimentatore; questo piccolo impedimento, ovviamente, è dovuto alla strutturazione interna del case:

15

Si passa poi all’applicazione di un fine velo di pasta termica su CPU e base dell’IFX-14; attenzione perché la pasta termica tende a coagularsi una volta estratta dalla siringhetta in dotazione, quindi essere celeri nell’operazione di applicazione della pasta termoconduttiva!
Infine ho appoggiato il dissipatore sulla CPU, l’ho ruotato leggermente, di pochi gradi, esercitando una lievissima pressione per far sì che sulle le due superfici sulle quali è stata precedentemente spalmata la pasta termica questa si uniformasse. Poi si passa ad applicare la staffetta di ritenzione del dissipatore che mediante due viti a molla bilancia il dissipatore. A termine dell’operazione (le viti hanno un fine corsa quindi non bisogna preoccuparsi se sono state strette troppo o poco) ho avuto una sensazione di robustezza mai vista: si pensi che muovendo leggermente il dissipatore questo non si spostava di un millimetro e anzi nel movimento veniva condizionata la scheda madre, con la quale praticamente il dissipatore aveva formato un tutt’uno.

16

Particolare della staffa di ritenzione bilanciata dalle due viti a molla:

17

17

Ultimo ma complicato passaggio: installazione della fan. Io ho preferito inserirla tra le due torrette dissipanti, appoggiata a quella più lontana dalla parete posteriore del case, in modo da creare un flusso ottimale che investe la prima torretta, viene trasportato dalla ventola verso la seconda e infine l’aria calda viene trasportata all’esterno dalla seconda Nanoxia installata sulla parete posteriore del case, in linea con il dissipatore, quindi vicina alla seconda torretta dissipante.
Il problema ha riguardato proprio il fissaggio della fan con la clip superiore: disponendo infatti di poco più di un centimetro di spazio tra dissipatore e alimentatore, potete immaginare la sudata…

E questo è l’interno del case a lavoro ultimato, durato ben 7 ore (ne ho approfittato anche per sistemare meglio i vari cavi all’interno del case).

18

29

Ecco il “banco da lavoro”:

20

Appena avrete finito di leggere fino in fondo, potreste dare un'occhiata a questo thread da me aperto diverse settimane fa in cui chiedevo consigli generali sull'acquisto dell'IFX-14 o dell'Ultra 120 Extreme. Qui potrete trovare suggerimenti dai più esperti e limitazioni nell'installazione di questo dissipatore. QUESTO il link.




Articoli più recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.