Translate!

English Chinese (Simplified) French German Japanese

Newsletter: iscriviti!

Devi prima registrarti per poterti iscrivere ad una newsletter.
No account yet? Register

Statistiche

statistiche contatore

Siti Amici

Nuovi PC: il 30% torna a XP
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Giovedì 21 Agosto 2008 12:00

downgrade_vista_xp

Secondo ComputerWorld, a più di un PC su tre viene effettuato il downgrade da Windows Vista a XP, o dall'acquirente o direttamente in fabbrica; ciò sarebbe emerso da un'indagine effettuata attendibile. Un risultato un po' inaspettato, sebbene parecchi Windows users lamentino problemi con Vista...

Devil Mountain Software Inc, che gestisce una community per i test di rete, afferma che quasi il 35% su 3000 PC che sono stati esaminato sono stati downgradati da Vista a XP.

downgradeI dati sono stati forniti dagli utenti al Devil Mountain's Exo.performance.network (nata l'anno scorso e che ha esteso la partnership con InfoWorld, una pubblicazione "sorella" Computerworld). Così, raccogliendo dati (tra cui marca e modello del PC) sono state identificate le macchina probabilmente vendute negli scorsi sei mesi, periodo in cui praticamente tutti i nuovi PC sono equipaggiati con Vista preinstallato.

Operazione del tutto legale: secondo i termini della licenza Microsoft, Vista Business e Ultimate possono essere downgradati a XP Professional; e anche le aziende che acquistano Vista Enterprise possono tornare a XP.

E sebbene Microsoft abbia rimosso, dallo scorso giugno, la disponibilità XP per l'utenza mainstream, alcuni produttori OEM hanno continuato a offrire i loro PC con XP preinstallato, oppure effettuando personalmente il downgrade in fabbrica. Ad esempio, Hewlett-Packard, ha deciso di offrire l'opzione di downgrade fino a luglio 2009 per i propri desktop destinati all'utenza business, ma anche per notebook e workstations.

E dunque le installazioni di Vista non rispecchiano il numero di licenze vendute del sistema oprativo stesso. E questa discrepanza è maggiormente evidente nel settore finanziario.

Lo scorso anno, Devil Mountain effettuò un benchmark di performance di Vista e XP e, utilizzando specifici tool di test, concluse che XP era più veloce, mentre Vista sarebbe lento il 40% in più.

Fortunatamente, la disponibilità di nuove CPU, sempre più veloci, e di un maggior quantitavtivo di RAM, rende questa discrepanza all'atto pratico poco riscontrabile. E ancora una volta, come Devil Mountain ricorda, la Legge di Moore è sempre rispettata.

Commenti (0)add comment

Scrivi commento
più piccolo | più grande

busy

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

 
Copyright © 2009 InformaticaEasy. Tutti i diritti riservati.
E' vietata la riproduzione di qualunque contenuto del sito senza aver richiesto autorizzazione.
  Le recensioni e gli articoli sono scritti e di esclusiva proprietà di Paolo Vinella; se presenti su altri siti/forum, sono stati inseriti dallo stesso
 
Sito realizzato e gestito da Paolo Vinella.